Escursioni subacquee!!!

Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è un crocevia di numerosi antichi sentieri e rappresenta, lungo l’Appennino meridionale, un’importante nodo nella rete escursionistica nazionale. Molte le escursioni di interesse da effettuare. Camminando lungo gli antichi itinerari che conducono ai luoghi più suggestivi del parco, tra panorami e paesaggi che spaziano dal mare, alla collina e alla montagna, la natura incontaminata di questa area protetta incanta e seduce. L’Ente Parco, preposto alla tutela ed alla valorizzazione del territorio con particolare riferimento alle sue eccellenze, promuove la pratica dell’escursionismo, inteso come disciplina non competitiva: “Camminare per conoscere e tutelare”. Tale approccio, insieme alla creazione di una rete di sentieri percorribili, attua un modello gestionale che consente di valorizzare il territorio protetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale, anche mediante la riscoperta del suo immenso patrimonio culturale, in un processo di accrescimento della consapevolezza da parte delle comunità locali. Infine, è un modo per promuovere il trekking, inteso non solo come pratica motoria, ma soprattutto come strumento per scoprire l’ambiente, il territorio e la cultura delle comunità locali, valorizzando il tema del turismo della lentezza di qualità, centrato sull’escursionismo, forma di conoscenza, fruibilità e valorizzazione del territorio.

top
DA VEDERE Il Cilento si trova nel sud della provincia di Salerno, racchiuso tra il fiume Sele nella parte settentrionale e il Mar Tirreno e i confini con la Basilicata nella partemeridionale. La maggior parte di questo territorio fa parte inoltre del Parco Nazionale del CilentoVallo di Diano e Alburni. Spesso sottovalutato anche da chi ci vive, il Cilento ha però una storia millenaria ed è ricco di bellezze artistiche e naturalistiche che non possono passare inosservate, e che ne fanno la meta privilegiata di un turismo che richiama visitatori da ogni parte del mondo. Vediamo quindi cosa vedere nel Cilento. Castellabate è un luogo incantato, portato alla ribalta negli ultimi anni dalle commedie “Benvenuti al Sud” e “Benvenuti al Nord”. Nelle immediate vicinanze, è da visitare Pioppi, dove secondo lo scienziato americano Ancel Keys avrebbe avuto origine la “Dieta Mediterranea”. Se si decide di visitare il Cilento, tappa assolutamente imprescindibile devono essere i siti archeologici di Paestum e Velia, antiche colonie della Magna Grecia che richiamano turisti da ogni parte del mondo. Il periodo dell’anno migliore per recarsi in queste zone è la primavera, poiché il clima piuttosto mite e le piogge molto scarse rendono l’escursione in questi due luoghi piuttosto piacevole. Per gli amanti del mare però anche l’estate è un’ottima stagione: sia Paestum sia Velia sono infatti a due passi dal mare, per cui si possono facilmente coniugare cultura e natura. Un altro luogo che va assolutamente visitato nel Cilento è la Certosa di San Lorenzo a Padula, situata nella parte più a sud, verso la Basilicata. In genere alla visita alla Certosa viene associata l’escursione alle bellissime Grotte dell’Angelo di Pertosa: circa 3000 metri di tragitto sotto il massiccio degli Alburni, da percorrere in barca nel tratto iniziale, e poi a piedi. Spettacolari sono poi i tantissimi paesini che popolano il Cilento, ognuno dei quali ha una propria storia.  Tra tutti sono assolutamente da visitare Roscigno Vecchia e San Severino di Centola, piccoli paesi oggi completamente disabitati. Il primo si trova nell’entroterra cilentano, il secondo è invece un borgo medievale situato a pochi passi dalla costa, ed entrambi sono caratterizzati da costruzioni in pietra molto antiche.  Non può mancare poi una visita alla cittadina di Agropoli, che è suddivisa in due zone: in quella più antica e più anord si trova l’antico Castello Medievale, nella parte più nuova e più a sud si è sviluppato maggiormente il centro abitato e c’è il mare. Inoltre in ogni paese ci sono una o più Chiese, spesso molto antiche, che conservano quadri e statue di grande spessore artistico.  In particolare si possono segnalare il Santuario della Madonna del Monte, a Novi Velia, sulla cima del Monte Gelbison, aperto dall’ultima domenica di maggio alla prima di ottobre; un luogo incantevole al quale molti pellegrini si recano a piedi, seguendo antichi sentieri che attraversano le montagne, e nel quale è custodita la statua di una Madonna Nera, oppure il Santuario dedicato a Maria SS.  di Pietrasanta, a San Giovanni a Piro, festeggiata nel mese di maggio.  Bellissime escursioni sono poi quelle presso la Diga del Fiume Alento, vicino Agropoli, e nell’Oasi WWF di Morigerati, vicino Sapri.. E’ poi assolutamente impossibile rinunciare a una vacanza nei centri balneari del Cilento, molti dei quali ogni anno ricevono la prestigiosa “Bandiera Blu”. Oltre alle splendide spiagge e alle acque cristalline, in molti di questi centri si possono ammirare anche veri e propri spettacoli della natura: a Marina di Camerota troviamo il Porto Naturale degli Infreschi; a Palinuro (che deve il suo nome al mitologico nocchiero di Enea, Palinuro, che sarebbe caduto in mare proprio in queste acque) le Grotte, famosissime in tutto il mondo, da visitare con escursioni organizzate in barca oppure, per i più esperti, con le immersioni; l’isoletta di Punta Licosa, tra San Marco di Castellabate eOgliastro Marina. I periodi ideali per una vacanza rilassante in questi luoghi sono i mesi di giugno e settembre; invece, per chi vuole una vacanza un po’ più movimentata, luglio ed agosto sono senza dubbio i mesi migliori. Ogni periodo dell’anno nel Cilento è scandito da feste di paese, fiere e sagre, queste ultime concentrate però quasi esclusivamente nel periodo estivo. Le sagre sono l’occasione per assaggiare le specialità culinarie del Cilento, i prodotti tipici, tutto accompagnato dalla musica di strumenti della tradizione folcklorica come l’organetto. Per quanto riguarda le strutture ricettive, gli hotel sono dislocati principalmente nelle zone marine, mentre su tutto il territorio sono presenti numerosi e accoglienti ristoranti, Bed and Breakfast a conduzione familiare e agriturismi. Se si vuole raggiungere il Cilento in automobile, dall’autostrada A3, la Salerno– Reggio Calabria, bisogna prendere le uscite di Battipaglia o Eboli se si proviene da nord, e l’uscita di Sala Consilina se si proviene da sud. Buoni anche i collegamenti in treno: circa un treno all’ora collega infatti il Cilento a Napoli e Salerno. Le due stazioni più grandi sono quella di Vallo della Lucania – Castelnuovo a nord e quella di Sapri a sud, ma nel mezzo tutti i regionali fermano anche in altre stazioni, fermate che consentono di raggiungere facilmente i principali centri balneari.
top

Moderne e con un design sobrio ed elegante, queste camere spaziose offrono servizi di alta qualità

Clicca qui per verificare la disponibilità e prenotare il tuo soggiorno!

Struttura di eccellenza che organizza matrimoni a Castellabate e nel Cilento

L'Hotel è strutturato per ricevere gruppi di ospiti, anche fino a 100 unità...

Le sale sono preziose risorse per organizzare meeting, congressi, eventi in una location d'incanto

Hotel Prince Franklyn apre il ristorante per la stagione 2018 in collaborazione con lo Chef Cupo. Vi aspettiamo per proporvi le specialità locali e internazionali!

Il progetto definitivo della nostra struttura!!!

Offerta Natale 2017.

Seguici sui principali Social Network

Offerte Speciali per la nostra wedding planner

Cilento, la terra del mito dalle tradizioni secolari, ricca di cultura e contenuti artistici unici al mondo.

cateaccettate FB_ico TW_ico IN_ico mail_ico

ThemeBox

AIT-Themes icon Themeforest icon Twitter icon Facebook icon YouTube icon
Our Portfolio
open/close
Colors Settings
Background images
Font
Homepage Options
Hotel Version Sport Center Version
Our WordPress Themes